CAMPAGNA DI PREVENZIONE SULLE MALATTIE DELLA TIROIDE 2^ EDIZIONE

Fedele al proprio impegno di diffondere la cultura della salute, l’Avis di San Ferdinando promuove da anni una serie di Incontri con la salute, aventi per oggetto la prevenzione, i corretti stili di vita, la cura del proprio corpo da un punto di vista clinico. Particolare interesse hanno suscitato gli appuntamenti dedicati al Tumore al seno e al Rischio cardiovascolare.

Straordinario il successo della prima iniziativa dedicata alle Malattie della Tiroide che ha registrato numeri davvero ragguardevoli:

  • Oltre 400 persone si sono messe in fila per sottoporsi all’ecografia tiroidea
  • Il 65% di esse non aveva mai fatto prima questo utile controllo per la salute
  • Circa il 30% degli esami effettuati ha evidenziato una disfunzione che ha richiesto una successiva visita specialistica
  • Numerosi pazienti sono stati invitati ad effettuare ulteriori approfondimenti clinici, alcuni dei quali per patologie piuttosto gravi da affrontare con urgenza
  • Sono stati impegnati: 7 medici specialistici, 6 assistenti medici, oltre 20 volontari, che hanno messo a disposizione la propria professionalità e il tempo libero festivo per una giusta causa.

Incoraggiati da questi risultati e sostenuti dalla volontà di proseguire l’impegno di sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza di un’adeguata prevenzione, l’Avis di San Ferdinando ha deciso di promuovere una nuova Campagna di prevenzione sulle Malattie della Tiroide.

 

DOMENICA 2 OTTOBRE
Dalle ore 8:00 alle ore 13:00
Piazza Giovanni Paolo II
San Ferdinando di Puglia
 
Ecografie e visite gratuite
Con la partecipazione di Medici Ecografisti e Medici Endocrinologi

 

Coordinamento
Sig.ra Angela Caprioli
Presidente Avis San Ferdinando

Responsabili sanitari

Dott. Donato Modugno
Dott.ssa Raffaella Valerio

Medici volontari Avis San Ferdinando

 

 

NON E’ RICHIESTA PRENOTAZIONE

GLI ESAMI SARANNO ESEGUITI IN BASE ALL’ORDINE DI ARRIVO

LA CAMPAGNA DI PREVENZIONE E’ APERTA A TUTTA LA CITTADINANZA
I Donatori effettivi (almeno una donazione di sangue negli ultimi due anni)
potranno usufruire di una corsia preferenziale